Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Mappe mentali on line

31 maggio 2008


Con il servizio on line "Text 2 Mind Map" è possibile convertire facilmente una nostra lista testuale in una semplice mappa mentale.



Preparazione della mappa.


Basta editare la lista di esempio sovrascrivendola con i nostri termini e quindi convertirla in una nuova mappa.


 


Download della mappa.


E' possibile  eventualmente modificare l'aspetto della nostra mappa, aumentando o diminuendo le dimensioni del carattere, variando il colore delle linee e del testo ( ma non a quanto pare dello sfondo  delle etichette...), bloccando lo schema. A questo punto possiamo scaricare la mappa come file immagine .jpg.

R. M

Via | Maestro Alberto


Tetris geografico.

30 maggio 2008


Il gioco on line "Statetris" rappresenta un interessante passatempo che unisce alcune peculiarità del celeberrimo Tetris con la geografia.




Il tetris delle regioni italiane.
Il tetris degli stati europei.
Il tetris degli Stati Uniti.


Invece di aver a che fare con le tipiche tesserine del Tetris, qui si tratta di collocare al giusto posto le sagome di regioni o stati, potendo scegliere tra tre livelli di difficoltà crescente.
Un passatempo piacevole, con cui mettere alla prova le proprie conoscenze di geografia politica.

R. M.


Via | Geekissimo

La nostra fiaba.

29 maggio 2008





Il mio nuovo programma "Scriviamo insieme...LA NOSTRA FIABA" propone una semplice attività di scrittura collaborativa, da intendersi eventualmente propedeutica a successive, più articolate esperienze in merito. Il programma, pur fruibile dal singolo alunno, anche in ambito domestico, è particolarmente pensato per un approccio collettivo all'invenzione di una fiaba, partendo da una sequenza di 12 immagini-stimolo, scelte fra quelle della serie "Le carte di Propp", proposta sul sito www.midisegni.it




Una schermata del programma.

Una schermata del programma.

Si suggerisce, a mero titolo esemplificativo, la seguente modalità di lavoro. Gli alunni (di seconda-terza classe di scuola primaria), suddivisi in piccoli gruppi (se fosse possibile, a coppie), visionano sulla propria postazione multimediale la sequenza delle 12 immagini-stimolo. Per ciascuna immagine, ogni gruppo o coppia elabora un testo corrispondente, che via via si accumula determinando lo sviluppo della propria fiaba di gruppo o coppia. Giunti alla conclusione della stessa, ogni gruppo avrà la possibilità di stampare una prima bozza del proprio testo completo. Successivamente, magari in classe, verranno messi a confronto i vari testi (probabilmente molto simili, essendo stati prodotti partendo dalla stessa sequenza di immagini). Si tratterà di effettuare, sempre in forma collaborativa, ma stavolta a livello di classe, la messa a punto collettiva di un nuovo testo, integrando, per ciascun momento della storia, le soluzioni narrative giudicate migliori dagli stessi alunni. Si giungerà in tal modo al testo definitivo della fiaba di classe. Dal momento che tutte le 12 immagini proposte sono stampabili, si può anche prendere in considerazione l'idea di realizzare un cartellone con il testo collettivo della fiaba accompagnato dalle immagini, eventalmente colorate dagli stessi alunni.

Il programma "Scriviamo insieme...LA NOSTRA FIABA" è disponibile sul cd "Il mio software".
(Chi avesse richiesto il cd in precedenza, potrà ricevere gratuitamente il programma via posta elettronica).

R. M.

Creare demo e tutorial.

28 maggio 2008


Il programma "WonderShare Demo Creator" offerto oggi in licenza gratuita da Giveaway of the day (e liberamente scaricabile fino alle ore 9 di domattina 29 maggio 2008) è un'utility per registrare in tempo reale tutte le attività svolte sullo schermo, ideale quindi per creare tutorial didattici.



Schermata di lavoro.

Finestra per il settaggio.

Finestra per l'avvio della registrazione.

Una volta settate le varie impostazioni possibili, si può passare a registrare i movimenti del mouse e la pressione dei tasti della tastiera del computer, con la massima qualità. Si può aggiungere una voce narrante e/o delle animazioni per rendere migliori i tutorial creati. Gli screeencast prodotti si potranno pubblicare in flash, CD auto-avviabili, EXE standalone ed e-mail, oppure convertirli in AVI per poi condividerli su Youtube e Myspace. Si possono creare corsi con AICC/SCORM per il LMS (Learning Management System).

R. M.


W la Chimica!

22 maggio 2008



"whatischemistry" è una risorsa web interamente dedicata alla divulgazione della chimica.





Una pagina del sito.



Il sito, messo a punto da un gruppo di chimici dell'Università di Napoli Federico II, si caratterizza per la correttezza scientifica, la semplicità del linguaggio, il legame con l'esperienza quotidiana: per questo, pur essendo rivolto al grande pubblico, può tornar utile anche in ambito scolastico. Lo scopo del sito è proprio quello di richiamare l'attenzione di tutti sul meraviglioso mondo della vita e dei meccanismi che la rendono possibile, facendo cogliere i legami con la produzione industriale di tutti i beni che costituiscono il nostro mondo quotidiano: materiali, carta, plastica, metalli, tessuti, elettronica, cibi, farmaci, colori...Fornisce con semplicità e chiarezza le chiavi per riflettere sui grandi problemi dell'energia, della conservazione dell'ambiente e delle risorse naturali.




Una pagina del sito.


Si sa che l'immagine della chimica presso il grande pubblico (e gli stessi ragazzi) è spesso fortemente negativa. La Chimica è vista troppe volte come sinonimo di inquinamento, di danno e pericolo, di sofisticazione. Così, invece di distinguere, come sarebbe logico, fra chimica usata bene e chimica usata male, si attribuiscono alla chimica solo gli aspetti negativi e le si contrappone una presunta alternativa "naturale" (come se fosse possibile avere qualcosa di naturale che non sia strettamente chimico).









Nel sito sono trattati alcuni concetti fondamentali e diversi argomenti applicativi, come si evince anche dall'indice (parziale, ma con i link attivi) qui sopra riportato.


R. M.

Via | Tecnologie educative



Video animati didattici.

21 maggio 2008


"PoliLab Kids" è un progetto del laboratorio HOC del Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano realizzato con il supporto della Fondazione Cariplo : Si tratta di un repository di brevi video animati per bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni. I video hanno fini didattici e sono pensati per essere usati sia da scuola sia da casa. Gli argomenti specifici trattati nei video, della durata di circa 2/3 minuti ciascuno, riguardano aspetti della “vita quotidiana” del bambino, fenomeni in cui si imbatte
(es. “Cos’è l’elettricità?”, “Come funziona il cellulare?”), in modo da poter avere una base di partenza: l’esperienza diretta.
Autori dei contenuti sono docenti universitari del Politecnico di Milano e esperti esterni (per l’area Archeologia).
I video hanno un formato agile e gradevole: gli argomenti sono introdotti da simpatici caratteri animati e trattati nella maniera più semplice possibile.

I contenuti sono raggruppati nelle seguenti aree tematiche: ambiente e società - archeologia - matematica - scienze - tecnologia - fisica.

Qui sotto, alcuni dei link (attivi) che rimandano ai filmati corrispondenti.




R. M.

Via | Tecnologie educative

Dama: impossibile vincere?

16 maggio 2008


Vi sono alunni appassionati di dama nelle nostre classi? Potrebbe essere un'idea invitarli a cimentarsi on line con Chinook, un avversario virtuale messo a punto da ricercatori dell'Università di Alberta (Canada), che ha una particolarità: è praticamente imbattibile, anche per dei campioni del celebre gioco!




Chinook: il sito.
Avvio di una partita.

Chinook  si presenta piuttosto dimesso quanto alla grafica e la giocabilità non è così immediata e fluida come ci si potrebbe aspettare, tuttavia il brivido della sfida contro un avversario impossibile da battere può intrigare gli appassionati del gioco e indurli a tentare il colpaccio...

R. M.

Totlol, un baby-YouTube.

14 maggio 2008


"Tolol" è un servizio web 2.0 di condivisione video dedicato ai più piccoli, fino ai 6 anni (ma anche oltre, a dire il vero...).




Uno dei video disponibili.

Partendo dall'immenso database di video del portale You Tube, vengono selezionati e proposti unicamente filmati adatti ai piccoli utenti, per la tranquillità dei loro genitori.





Uno dei video disponibili.


Vi si trova un po' di tutto: cartoni animati, divertenti spot pubblicitari, clip televisive, video musicali e altro ancora (generalmente in inglese, per il momento).




Uno dei video disponibili.


Sarebbe auspicabile che il servizio fosse indirizzato ad un target comprendente anche ragazzi più grandi, diciamo almeno fino agli 11 - 12 anni, e che la tipologia dei video proposti rispondesse maggiormente ad esigenze di carattere didattico, oltre che a quelle di un mero, ancorchè sano intrattenimento.

Via | Maestro Alberto.

R. M.

Facciamo un documentario!

9 maggio 2008


Un servizio web 2.0 assai interessante sul piano didattico viene proposto dalla "National Geographic" sul proprio sito.




Scelta e inserimento clip video.


Si tratta di Wildlife Filmmaker, un tool on line con funzionalità simili a quelle dei software di video editing, che permette ai ragazzi di costruirsi facilmente un "proprio" documentario naturalistico sul Regno animale. Si parte scegliendo una o più clip video dalla ricca libreria di filmati a disposizione, da trascinare in una timeline...





Scelta e inserimento di suoni, musica e titolo.

...Si aggiungono alla timeline suoni (versi degli animali, ecc.) e musiche di sottofondo, sempre scegliendoli dalle librerie corrispondenti a disposizione; si aggiungono didascalie e...



Salvataggio e condivisione del "proprio" filmato.

...il "nostro" filmato è pronto per essere visualizzato in un player , salvato sul sito del "National Geographic", condiviso in rete tramite l'indirizzo fornito.
Purtroppo non è possibile il download del filmato prodotto: un vero peccato sul piano didattico, ma tant'è!...

R. M.


21... e non di più!

8 maggio 2008




Schermata iniziale.

Il programma "BlackJack International" ripropone virtualmente il celebre gioco di carte da casinò e tuttavia, dal momento che... non si punta il vil danaro, ma oggetti o cibi caratteristici delle varie nazioni impegnate nella sfida, con un' ambientazione grafica da cartone animato ricca di animazioni e suoni divertenti, il gioco risulta adatto anche ai ragazzi.




Una schermata del programma.

Le regole sono note, ricordano il nostro "sette e mezzo":  l'obiettivo è ottenere con le carte un punteggio superiore agli altri ed al banco, ma senza oltrepassare il 21. Le figure valgono 10 punti, e l'asso può valere 11 punti. Ogni volta bisogna scegliere se chiedere ancora una carta (col rischio di "sballare", superando il 21) o se restare con le carte già ricevute.




Una schermata del programma.

Come detto, ogni "nazione" in gara punta non soldi, ma propri prodotti caratteristici: l'Italia usa i gelati, il Messico la tequila, l'Australia i boomerang, l'Inghilterra il tè, ecc.
Il gioco è in inglese, ma una volta presa familiarità con i pochi comandi disponibili, il divertimento è assicurato.

Il programma "BlackJack International", gratuito e multipiattaforma, si può scaricare dal sito di riferimento.

R. M.

Via | Punto Informatico




I tre porcellini.

5 maggio 2008





Un altro mio programma della serie "A tu per tu con..." riguarda la fiaba de "I  tre porcellini" ed è rivolto ai piccoli della prima/seconda classe di Scuola Primaria.




Schermata iniziale.

Una schermata della Sezione "Leggi".


Viene proposta dapprima la lettura della celebre fiaba, liberamente ridotta e adattata per l'occasione e suddivisa in 9 momenti-chiave, ognuno costituito da un breve testo e una tavola a colori.




Una schermata della Sezione "Metti in ordine le figure".


Una volta letta la fiaba, si possono svolgere alcune facili attività volte a verificarne un' adeguata comprensione. In "Riordina le figure" si tratta di ricostruire la corretta sequenza temporale dei momenti principali del racconto, riordinando la serie di immagini a corredo.




Una schermata della Sezione "Dimmi: chi dice...?".


In "Dimmi: chi dice...?", vengono riproposte alcune battute di dialogo: si tratta di individuare il personaggio che di volta in volta le pronuncia nel corso della narrazione.





Una schermata della Sezione "Cloze".


In "Completa il cloze", occorre inserire correttamente le parole mancanti all'interno di brevi estratti del testo. Ogni volta, se non si commettono errori, si ha la possibilità di stampare uno dei disegni della fiaba, tratto da midisegni.it e riproposto in b/n, così da poterlo colorare a proprio modo.

Il programma "A tu per tu con...I  tre porcellini" è disponibile sul cd "Il mio software".
(Chi abbia richiesto il cd in precedenza, può ricevere il programma gratuitamente tramite posta elettronica).

R. M.

"Primi libri" 2.

1 maggio 2008



 

"Primi libri", il programma di Pierluigi Farri e Sandro Sbroggiò già qui segnalato, che consente a bambini di 7-10 anni di creare libri elettronici autoeseguibili, è giunto alla seconda versione (maggio 2008).




Schermata menu.

Una schermata del programma.

La versione 2 del programma appare più flessibile della precedente, in particolare per quanto riguarda la progettazione della copertina dei libri, ma è soprattutto molto più compatta della prima versione e tecnicamnete più avanzata. In ogni caso, anche con la nuova versione,  i "libri" prodotti  sono dei files di tipo .exe, eseguibili con un doppio clic del mouse (a condizione che sul pc ospite siano installate le librerie di Visual Basic) e possono essere distribuiti facilmente, via internet, CD-ROM, chiavetta USB, floppy disk.



Schermata di un "primolibro" di alunni di classe prima.

Qui sopra, schermata da un "primo libro" scritto da alunni di classe prima con la maestra Maria Pia, del blog "Ciao bambini".



R. M.