Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Active Pixels.

31 ottobre 2008


Active Pixels è un programma gratuito (e anche per questo da prendere in seria considerazione in ambito scolastico...) che ispirandosi all'inarrivabile (ma costosissimo...) Photoshop, consente di gestire e creare immagini su più livelli, supportando un centinaio di formati compreso il ".PSD" del programmone di Adobe. E' uno strumento relativamente abbastanza semplice, con cui tagliare, ruotare, ridimensionare, inserire scritte, applicare una cinquantina d'effetti differenti, fare insomma fotoritocco a livelli più che accettabili.



Scherrmata di lavoro.


Da segnalare, fra il molto altro, lo strumento di esportazione "Save for Web", che permette di scegliere con precisione i parametri di compressione delle immagini da mettere online, mostrando a nostra scelta l'immagine originale, la versione compressa e persino le differenze tra le due, ovvero tutto quel che si perde con la compressione e/o riduzione dei colori salvando in GIF, JPG o PNG per il Web.
Sul blog del programma si annuncia la versione 4 di Active Pixels: sarà bene tenerla d'occhio!

R. M.

Via | Punto Informatico



Show collaborativo.

29 ottobre 2008

Schermata caricamento file.

Show Document è un ottimo servizio web 2.0 che ci consente di caricare sul web un nostro documento  e di accedervi on line contemporaneamente con altre persone, ad es., in ambito scolastico, con nostri colleghi docenti.  



Schermata avvio sessione di lavoro.

Una volta caricato il nostro documento (una programmazione, una relazione, un progetto, una scheda didattica, ecc.) sui server del sito, potremo invitare uno o più colleghi a visitare quella pagina scegliendo fra tre modalità: l'inserimento del codice sessione, il link diretto o un'e-mail automatica.




Schermata modifiche al documento.

Dopo di che, accedendo al documento in contemporanea con i colleghi, avremo la possibilità di utilizzare i diversi strumenti a disposizione per evidenziare, correggere, inserire parti di testo, modificando in modo collaborativo il documento stesso, per poi magari convertirlo automaticamente in PDF. Potremo addirittura chattare con i nostri compagni di lavoro all'interno della stessa pagina.
Si tratta di un servizio web 2.0 comodo ed efficiente, che potrebbe tornar utile anche agli alunni più grandi , se impegnati in lavori, ricerche o relazioni di gruppo.

R. M



Primo PDF.

28 ottobre 2008


Non sono pochi i programmi free utili per la creazione di PDF senza dover ricorrere al costoso programma di Adobe. Uno tra i più conosciuti è certamente PrimoPDF.
Il funzionamento di PrimoPDF è molto semplice e analogo a quello dei programmi similari: viene installato sul pc una stampante "virtuale" a cui inviare i documenti da convertire in PDF.
Dovendo convertire ad esempio un file creato con Word (o con qualunque altro programma che produca documenti stampabili, inclusi Excel™ e PowerPoint™),  basta cliccare su stampa e selezionare PrimoPDF e in pochi istanti avremo il nostro documento nel celebre formato.

Nel filmato (in inglese) viene mostrata la semplice procedura.






R.M.

Il Creapresentazioni.

22 ottobre 2008

Schermata iniziale del programma.

"Il creapresentazioni", di Giusy ed Elisabetta Landi , è un programma per documentare esperienze didattiche in modo semplice ed efficace, con l'uso di testi, immagini e suoni.




Schermata di una presentazione.

Schermata di una presentazione.

Schermata di una presentazione.

Schermata di una presentazione.

Schermata di una presentazione.

Può essere utilizzato sia nella scuola primaria che nella scuola media inferiore per realizzare semplici ma efficaci presentazioni senza dover ricorrere ai più complessi, abituali programmi.
Gli alunni possono imparare ad usarlo autonomamente già a partire da 7-8 anni, nell'ambito delle proprie attività laboratoriali.
Il prodotto finale può essere facilmente distribuito o messo in rete nel sito della propria scuola.

Il file compresso, liberamente scaricabile da questa pagina, contiene anche una scheda didattica per gli insegnanti, in formato .pdf.

R. M.

The Universal Declaration of Human Rights

20 ottobre 2008





Uno splendido video sulla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.

R. M.

Pubblicità che ingrassa? No, grazie!

19 ottobre 2008






Sul sito dell'Associazione Altroconsumo è partita la meritevole campagna Pubblicità che ingrassa contro il marketing aggressivo e le abitudini alimentari scorrette.



Dalla presentazione della campagna:



"La pubblicità, infatti, condiziona la nostra vita: le sue esche attirano i più piccoli verso il cibo troppo ricco di zuccheri, grassi e sale. Ecco un esempio: nella mentalità comune - indotta soprattutto dalla pubblicità - i cereali per la prima colazione sono un’ottima alternativa a merendine e snack confezionati. Il nostro test dimostra però che non tutti i prodotti sono uguali: alcuni fiocchi sono stracolmi di zucchero; altri di acidi grassi trans o insaturi (i meno sani); qualcuno esagera con il sale. Consumers International, l’organizzazione mondiale delle associazioni di consumatori, è da sempre impegnata nella lotta contro l’obesità infantile. Una battaglia che passa anche attraverso la condanna della pubblicità aggressiva e poco trasparente. Altroconsumo, con le associazioni di consumatori internazionali, promuove la necessità di un Codice internazionale di autoregolamentazione sul marketing di alimenti e bevande destinate ai più piccoli. L’obesità non è una questione estetica: un bambino obeso ha altissime probabilità di diventare un adulto obeso. Con possibile sviluppo di malattie cardiovascolari, diabete e tumori. E con conseguenze, economiche e sociali, devastanti. L’unica via percorribile, dunque, è una maggiore prevenzione, che parta dai più piccoli. Per queste ragioni Altroconsumo - con una petizione - chiede al governo italiano di difendere i bambini dal marketing aggressivo e dalla pubblicità di prodotti non salutari".


Una campagna meritevole, si diceva, che dovrebbe trovare soprattutto in ambito scolastico la massima considerazione, magari partendo proprio dalla presentazione agli alunni del video proposto da Altroconsumo.


R. M.


Via | Maestro Antonio

Carnevale della Matematica

14 ottobre 2008


Oggi, 14 ottobre, è il giorno dedicato alla sesta edizione del  Carnevale della Matematica, ospitata questa volta da Matem@ticaMente, il seguitissimo blog sulla matematica curato dalla bravissima Prof. Annarita Ruberto, che tra l'altro mi onoro di annoverare fra gli amici più assidui del "Quadernone blu". Il Carnevale della matematica è un’iniziativa ideata da .mau. sul modello del Carnival of Mathematics , allo scopo di radunare dei blogger che parlino di matematica. Il 14 di ogni mese, un blogger si offre di scrivere un post che parli di matematica, raccogliendo i post di argomento matematico che gli sono stati segnalati, presentandoli brevemente:  può trattarsi di articoli di altri blog, software matematico, relazioni tra matematica e altre ambiti della conoscenza…Insomma qualsiasi cosa abbia come tema la matematica e dintorni. L'idea di fondo, dunque,  è che in questo modo si possono conoscere nuovi blog e soprattutto nuova matematica (nel senso di "cose che non si sapevano, oppure modi nuovi di vedere le cose che si sapevano").
I contributi raccolti e segnalati oggi dalla vulcanica Prof. Annarita, numerosissimi, sono estremamente interessanti e variegati: un'occasione unica per fare sicuramente tante inaspettate scoperte relative al mondo dei numeri e a tutto quanto gli gira intorno.

Per un'occhiata alle precedenti edizioni:

14/05/2008 Carnevale della Matematica 001 (Gli studenti di oggi)



14/06/2008 Carnevale della Matematica 002 (Notiziole di .mau.)



14/07/2008 Carnevale della Matematica 003 (matematicamedie)



14/08/2008 Carnevale della Matematica 004 (Il blog di Chartitalia)


14/09/2008 Carnevale della Matematica 005 (Rudi Matematici)





R. M.

Informatica senza computer?

11 ottobre 2008


Insegnare informatica senza computer? Si può, con Computer Science Unplugged , una collezione di attività progettate per insegnare i concetti fondamentali dell'informatica senza utilizzare alcun computer. Tutte le attività sono indipendenti da ogni hardware o software, quindi possono essere usate ovunque e le idee contenute non diventano obsolete e non passano di moda. Le attività di csunplugged sono state provate e migliorate negli ultimi 15 anni usandole effettivamente nelle classi e nei programmi extrascolastici in molte parti del mondo. A questo indirizzo è possibile effettuare il download del  manuale per insegnanti di Computer Science Unplugged, versione italiana e in formato .pdf, con suggerimenti di attività didattiche per l'insegnamento dell'informatica da sviluppare nelle nostre scuole primarie e   medie inferiori.

R. M.

10 dita sulla tastiera.

10 ottobre 2008

Una schermata del programma.

"TutoreDattilo", l'applicazione di  Claudio Gucchierato pensata per aiutare i bambini, ma anche gli adulti meno esperti, nell'uso della tastiera del computer, è giunto alla versione 7.1
Come si sa, scrivere con dieci dita (tecnicamente "alla cieca") è sicuramente il metodo più veloce e razionale di utilizzare la tastiera del computer e con TutoreDattilo e un po' di pazienza e costanza, in breve tempo è possibile riuscirvi.
Il programma propone, di default, una serie di esercizi suddivisi in tre livelli con difficoltà progressive, che consentono di migliorare rapidamente la velocità e la precisione di battitura.
Molti sono gli aiuti che TutoreDattilo rende disponibili per favorire l'apprendimento della dattilografia "alla cieca", tra questi i più importanti sono:

  • la tastiera colorata (il colore associato al dito da usare per ogni tasto da premere con la mano destra e sinistra)

  • le "manine" che mostrano graficamente il dito da usare

  • i tasti evidenziati con effetto "tasto premuto" che indicano cosa digitare

  • la barra dinamica che mostra la velocità di battitura

  • il messaggio incoraggiante che al termine di ogni frase digitata fa un confronto con la frase precedente indicando il numero di battute al minuto e rilevando i progressi raggiunti

  • lo sfondo della frase che lampeggia e il suono segnalano gli errori commessi

  • la possibilità di stampare la tastiera

  • un simbolo grafico che cambia colore e immagine in funzione degli errori commessi.

  • la funzione che evidenzia il tasto da premere, che segnala l’errore commesso e anche il tasto errato eventualmente premuto

  • la possibilità di eseguire esercizi utilizzando testi liberi in formato *.txt

  • la possibilità di visualizzare la tastiera con effetto bi o tridimensionale

  • il salvataggio individuale della posizione raggiunta nel corso di dattilografia


Al termine di ogni esercizio, inoltre, è possibile visualizzare e stampare un dettagliato resoconto dei risultati parziali e complessivi ottenuti. Tale resoconto comprende, oltre alla velocità e ai punteggi ottenuti nei singoli esercizi, le battute totali, la velocità media, gli errori e il rapporto tra questi e le digitazioni complessive.
L'autore del programma avvisa che è in fase di sviluppo una nuova versione del TutoreDattilo (la 8) esclusivamente per la tastiera italiana che sarà probabilmente disponibile per gli inizi del nuovo anno (2009). 


"TutoreDattilo" 7.1 è liberamente scaricabile da questa pagina.


R. M.



Halloween di carta.

9 ottobre 2008


Si avvicina la festa di Halloween e potrebbe essere un'idea proporre agli alunni più piccoli di avvalersi dei "papertoys" (modellini di carta da ritagliare e assemblare) in tema proposti in una specifica sezione del sito The Toy Maker. Sono in formato pdf e tutti scaricabili gratuitamente.


Il "Professor Pumpkin's Boo Bus" da ritagliare.


Altri siti da cui scaricare tanti simpatici "giocattoli di carta" di vario genere: Papertoys e  il già segnalato Toy a day.

R. M.

Via | Maestro Antonio


Fantavolando.

8 ottobre 2008


Dal già peraltro segnalato sito della brava Maestra Rita è possibile scaricare non tanto software didattico quanto piuttosto materiale utilissimo per realizzare progetti e laboratori nella Scuola dell'Infanzia e nella Scuola Primaria. Non solo schede didattiche, modelli per decorazioni, stencil, contrassegni, ma anche puntuali e pratici strumenti operativi, come griglie di osservazione degli alunni durante le lezioni, obiettivi per la scuola dell'infanzia e primaria, strumenti di valutazione, tabelle per l'organizzazione degli orari, ecc. Detto materiale è in formato excel: salvandolo sul proprio computer è possibile modificarlo adattandolo alle specifiche esigenze ed argomenti dei propri progetti.

R. M.


Mille problemi!

2 ottobre 2008

Schermata menu.


'MILLE PROBLEMI', autore Pierluigi Farri di vbscuola.it,  è uno strumento didattico finalizzato ad avviare gli alunni di scuola primaria (classe seconda) alla soluzione dei problemi aritmetici.




Una schermata del programma.

Il programma si divide in quattro parti; ogni parte ha obiettivi didattici specifici.

I PARTE - LETTURA DEI DATI E DELLE DOMANDE (7 gruppi di esercizi).

II PARTE - SCELTA DELL'AZIONE ADATTA A RISOLVERE UN PROBLEMA (5 gruppi di esercizi).

III PARTE - SCELTA DELL'OPERAZIONE ADATTA (6 gruppi di esercizi).

IV PARTE - OPERAZIONI E CALCOLI (6 gruppi di esercizi).




Una schermata del programma.

Si tratta dunque di 24 gruppi di esercizi. Ogni gruppo comprende a sua volta 20 esercizi e ogni esercizio presenta 4 'problemi' (in tutto sono  1.840 'problemi').

Solo nell'ultima parte vengono presentati al bambino problemi di tipo scolastico tradizionale da risolvere con operazioni e calcoli. Le tre parti precedenti sono dedicate invece alla comprensione del testo, alla ricerca dei dati, alla individuazione della domanda, alla analisi delle operazioni materiali ed alla riflessione sulle operazioni aritmetiche necessarie per risolvere il problema.
Il programma crea una scheda personale per ogni alunno, per ogni esercizio, per cui l'alunno può svolgere gli esercizi anche in tempi diversi, sino al loro completamento. Al termine di ogni esercizio il programma assegna e registra un giudizio in base agli errori commessi.
Il programma è corredato di un fascicolo, in formato .doc per MS Word, con i testi di tutti i 'problemi'. Il fascicolo consente all'insegnante una rapida consultazione del testo dei 'problemi', e gli consente di presentare ogni esercizio al gruppo classe prima della esecuzione al computer.



"MILLE PROBLEMI" è liberamente scaricabile a questo indirizzo.

R. M.

II numero primo più grande (finora...).

1 ottobre 2008

Distribuzione numeri primi (linee blu) fino a 400

E così conosciamo il numero primo più grande finora scoperto. E' stato individuato da un team di matematici dell'Università della California a Los Angeles (Ucla) ed è composto da quasi 13 milioni di cifre! Per scriverlo a mano occorrerebbero 3 mesi circa e sarebbe lungo quasi cinquanta km!  E' uguale a



243.112.609 - 1


 


Il responsabile del team, Edson Smith, ha fatto sapere che sono già proiettati alla ricerca del successivo...


 


Sui numeri primi ( e tornando a dimensioni meno stratosferiche...) segnalo due miei piccoli software didattici:


 


Schermata menu del programma


 


- "Alla ricerca dei numeri primi", che propone una versione digitale del celeberrimo "Crivello di Eratostene" ed è liberamente scaricabile da questa pagina ;




 


Schermata menu del programma.


 


- "A tu per tu con...LA CONGETTURA DI GOLDBACH", secondo la quale sembrerebbe che ogni numero PARI maggiore di 2 possa essere scritto come somma di due numeri PRIMI. ("Sembrerebbe", perchè finora nessuno è riuscito a dimostrare che la cosa sia valida per TUTTI i numeri pari, che come si sa sono infiniti...).


 


R. M.