Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Il pc in una tasca.

21 maggio 2009


Segnalo volentieri "PcInTasca", l'ormai nota iniziativa che ha preso il via nella primavera del 2007 in una terza classe di scuola elementare del comune di Arco (Trento) e che consente di avere in una chiavetta tutto ciò che occorre per fare un certo tipo di scuola oggi imprescindibile. In questi tre anni la sperimentazione di PcInTasca sta interessando qualche centinaio di alunni ed ora è ufficialmente disponibile per tutti coloro che intendano provare ad usare programmi didattici portabili.
Dal team di PcInTasca e quello di Lupo PenSuite è nata una collaborazione con lo scopo di arricchire e far crescere quello che per molti, ormai, è uno strumento come lo sono fogli e matite. L'idea alla base del progetto è quella di poter trasportare materiale didattico anche rielaborabile da scuola a casa e viceversa, permettendo agli  alunni  di cimentarsi facilmente con programmi piacevoli e per di più a casa loro come nelle aule informatiche della scuola. Da questa pagina è possibile scaricare la raccolta di software più confacente alle proprie necessità: si va da "PcInTasca Leggera", versione in cui si trovano solo i programmi base e il menù didattico, a "PcInTasca OpenOffice",  raccolta che oltre ai programmi base, offre una versione portatile del celebre OpenOffice. Vi sono anche versioni specifiche per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado. Tutte le versioni dispongono del menù diviso per discipline.

R. M.

InnovaScuola si...rinnova.

17 maggio 2009


Il portale InnovaScuola, del Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie, ha da poco rinnovato la propria veste grafica, arricchendosi di nuovi contenuti multimediali per le scuole di ogni ordine e grado.
Al centro delle nuove proposte, la Libreria Digitale Aperta, che offre una vasta collezione di materiale didattico multimediale, giochi, esercizi interattivi, simulazioni su tutte le materie: parte in forma completamente gratuita e parte a pagamento.
La sezione "I video di InnovaScuola" propone poi una serie di filmati delle scuole che illustrano i loro progetti didattici, realizzati grazie alle nuove tecnologie. Tra l'altro, vi si trovano molti video che spiegano l'uso e le funzioni della Lavagna Interattiva Multimediale. Il portale, in puro spirito web 2.0, è aperto agli apporti delle scuole di ogni ordine e grado che vogliano raccontare le proprie esperienze e condividere i propri progetti realizzati con le risorse della multimedialità.

R. M.


Via | Sophia.it

Carnevale della Matematica: e 13!

16 maggio 2009


Veramente notevole la quantità e la qualità dei contributi raccolti da Annarita Ruberto, ospite questo mese  nel suo blog della tredicesima edizione del Carnevale della Matematica. Si tratta, come si sa, dell'iniziativa ideata da .mau. sul modello del Carnival of Mathematics con l'intento di radunare ogni mese dei blogger che trattino di matematica permettendo così a docenti e a studenti, ma non solo, di conoscere nuova matematica (nel senso di "cose che non si sapevano, oppure modi nuovi di vedere le cose che si sapevano").
Una significativa occasione, inutile sottolinearlo, di autoaggiornamento mensile grazie ai contributi di blog e siti internet dedicati alla disciplina in questione. In questo senso, le tantissime segnalazioni di risorse raccolte in questa tredicesima edizione da Annarita sono una vera e propria manna per tutti!...

R. M.

Le conferenze del TED in italiano.

15 maggio 2009


Il progetto TED (Technology  Entertainment  Design) da oltre vent'anni propone conferenze tenute da eminenti personalità, spesso di fama mondiale (Al Gore, Nicholas Negroponte, Bill Gates...), su importanti tematiche riguardanti la scienza, la tecnologia, i media, l'innovazione. Il portale ha una sezione video che propone una serie di filmati in varie lingue, tra cui l'italiano (con una ventina di titoli).
Raggiungendo la pagina sopra richiamata, ad esempio, si potrà visualizzare un video, sottotitolato in italiano, sull'operazione One Laptop Per Child, condotta da Nicholas Negroponte in Colombia, con la consegna di laptop ai bambini di un territorio un tempo controllato dalla guerriglia.


R. M.

Via | Maestro Alberto

Tri...cicli (Pane-Latte-Olio).

11 maggio 2009

Schermata iniziale.

Il mio nuovo programma "Tri...cicli - Il ciclo del pane, del latte e dell'olio", molto semplice, propone agli alunni di seconda, terza classe della Scuola Primaria una sintetica, essenziale esposizione dei cicli di produzione di tre importanti alimenti: il pane, il latte e l'olio.





Menu del "Ciclo del pane"



Una schermata del ciclo del pane.

Basata su tre serie di disegni in bianco e nero create dal bravo Sebastiano, di www.midisegni.it, la presentazione dei tre cicli produttivi si sviluppa attraverso schermate in cui tavole a colori, accompagnate da brevi testi esplicativi, cercano di dare ai piccoli utenti un'idea abbastanza precisa della "storia" di ciascun alimento, senza indulgere in troppo precisi e inutili tecnicismi, ma piuttosto evidenziando alcuni mutamenti nelle procedure di produzione che sono stati introdotti in epoca moderna.




Una schermata del quiz sul ciclo del pane.


Al termine di ogni percorso, gli alunni possono cimentarsi in un quiz per la verifica delle conoscenze acquisite, che parte ogni volta con un invito a ricostruire correttamente la sequenza del processo di produzione di ciascun alimento nelle sue fasi principali, e a rispondere poi ad alcune domande in merito.
Se non vengono commessi errori, alla fine di ciascun test si potranno stampare due disegni in argomento, da colorare a piacere.

Il programma "Tri...cicli - Il ciclo del pane, del latte e dell'olio" è disponibile sul cd "Il mio software".

R. M.


Polilab Kids.

10 maggio 2009


Il nuovo portale Polilab-kids, del Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano, persegue l'encomiabile finalità di promuovere la cultura scientifica facendo nascere nei bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni l'amore per le materie scientifiche attraverso nuove e più coinvolgenti modalità didattiche. Dedicato in realtà non solo ai ragazzi, ma anche a insegnanti e genitori, il portale presenta una collezione di animazioni didattiche e quiz che consentono ai bambini di imparare divertendosi, integrando opportunamente quanto viene proposto in classe dai docenti. Fra le discipline interessate, la matematica, la fisica, la chimica e la tecnologia, anche se non mancano approfondimenti sull'archeologia, l'ambiente e la società. Il linguaggio semplice, le animazioni accattivanti e divertenti non escludono certo un approccio serio e scientificamente controllato agli argomenti proposti.
Attualmente sono disponibili più di 100 animazioni, con l'obiettivo di arrivare a 300 animazioni entro il 2010.  Migliaia di utenti da tutte le regioni d'Italia lo stanno già utilizzando da febbraio 2009 e fino a luglio 2009  sarà possibile registrarsi gratuitamente e usufruire di tutti i contenuti di Polilab-kids. Col nuovo anno scolastico sarà invece possibile iscriversi al portale sottoscrivendo (come scuola, o singolo insegnante o famiglia) un abbonamento a costi molto contenuti.

R. M.


Via | Sophia.it

Per la Festa della Mamma.

8 maggio 2009



La pagina delle filastrocche per bambini sul sito di Simona Maiozzi dedicato alla lettura. Vi sono anche due belle poesie della stessa curatrice per la Festa della mamma.

R. M.

Studiare lingue con il web 2.0.

7 maggio 2009





Imparare le lingue con il web 2.0? Ora si può, con LiveMocha,  un valido servizio on line che, sfruttando appieno le potenzialità del web 2.0, consente di apprendere una lingua straniera a propria scelta e partendo dal proprio livello di conoscenza della stessa. Il tutto, attraverso numerose esercitazioni interattive di scrittura, lettura, ascolto e pronuncia e per di più operando all'interno di una vera e propria community, confrontandosi e interagendo con i nostri compagni di studio anche tramite chat vocale o testuale. Un'occasione da non perdere per provare a superare in modo stimolante e pienamente coinvolgente i limiti della conoscenza meramente scolastica di una lingua straniera.

R. M.

Via | Maestro  Roberto

Una stella per "Scientificando".

6 maggio 2009


"Stella", acronimo di Science Teaching in a Lifelong Learning Approach, è un portale web interattivo e multilingue rivolto a tutti coloro che si occupano di educazione scientifica e vogliono comunicare esperienze, collaborare, scambiare idee e riflessioni su metodologie e didattica di tale importante disciplina. Uno spazio comune, insomma, aperto a tutti, per confrontarsi e discutere intorno all’insegnamento della scienza nel proprio paese, nonchè un’occasione per far conoscere i propri progetti ai colleghi di tutta Europa. Infatti da STELLA si può accedere al catalogo europeo di iniziative d'educazione scientifica direttamente inserite da insegnanti ed educatori.
Sul forum STELLA Italia sono stati pubblicati recentemente i risultati della selezione delle buone pratiche STELLA che verranno incluse nell’ e-book “Pratiche innovative d’educazione scientifica per le scuole europee" e disseminate in tutta Europa dai partner STELLA. Per ora sono 4 le iniziative selezionate in Italia, presenti nel catalogo STELLA e documentate attraverso strumenti multimediali. Bene, una delle 4 iniziative segnalate riguarda il blog "Scientificando", della Prof.ssa Annarita Ruberto, cara amica e assidua frequentatrice del "Quadernone blu": complimenti per il prestigioso riconoscimento, Annarita!

R. M.

Nel giardino di Lia.

5 maggio 2009


Segnalo volentieri il sito della giovane collega Lia, che rende diponibili testi e schede di lavoro di propria elaborazione sulle diverse discipline e tanto altro materiale da utilizzare proficuamente nell'ambito della Scuola Primaria. Graficamente assai curato, il...giardino di Lia merita senz'altro più di una visita: fra le tante sue aiuole, non sarà difficile cogliere qualche bel fiore da portare in classe...

R. M.