Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Senza titolo 432

30 settembre 2009



 "Mymovies Kids" è la nuova sezione del portale "Mymovies" diretta agli appassionati di cinema under 18, ma anche ai loro genitori e agli insegnanti. Costruito appositamente per essere navigato e scoperto in piena sicurezza anche dai più piccoli (si basa infatti su di una tecnologia che facilita il controllo dei software "parental control"), propone schede di più di 16.400 film, schede dai contenuti (descrizioni, immagini, spezzoni) altamente selezionati e adatti alle fasce di età di riferimento, che sono tre: "Kid", "Kid+13", "Kid+16". La fascia KIDS presenta soprattutto pellicole di puro intrattenimento (film d'animazione, fantasy o adventure; ma anche commedie semplici o favole moderne); la fascia KIDS+13 comprende invece quelle opere in cui la realtà comincia a entrare a poco a poco nel contenuti dei film; la fascia KIDS+ 16 riguarda opere in cui si affrontano tematiche più importanti in maniera diretta e con linguaggi più complessi. Strumento ancor più utile ad agevolare la scelta didattica di un film sono le aree tematiche sotto cui sono stati ulteriormente catalogati i film: quasi una trentina di aree tematiche che vanno dai film adolescenziali a quelli che affrontano le tematiche sociali, dalla disabilità ai rapporti generazionali, dall'immigrazione all'ecologia. Al di là delle evidenti, e inevitabili, finalità commerciali di questa iniziativa, il fatto di poter ricercare i film incrociando fascia di età e tematica permette un orientamento essenziale ed utilissimo nel contesto educativo per scegliere adeguatamente cosa vedere al cinema, a casa e, perché no, a scuola.

R. M.

Via | Altrascuola
 

Tempeste...musicali.

27 settembre 2009

Il MENU.
 

Il mio nuovo  programma "Tempeste...musicali" mira a proporre un approccio consapevole e guidato all'ascolto di tre brevi brani classici fortemente caratterizzati in senso descrittivo e tutti concernenti la perturbazione atmosferica del temporale.
 

 



Una schermata del Percorso A.
 


La sezione "Ascolta!" rappresenta il cuore del programma: propone ogni volta l'ascolto del brano selezionato attraverso due percorsi differenti. Il "Percorso A" (adatto ad alunni che abbiano maturato buone competenze nell'ascolto guidato di brani classici e dimostrino adeguate capacità a livello espressivo), più coinvolgente e stimolante, presuppone un ascolto partecipe ed attivo da parte dell'alunno, che è invitato nel contempo ad immaginare e quindi a raccontare brevemente una situazione (scena di un film, di un telefilm o di un cartone animato...) cui la musica ascoltata potrebbe fare efficacemente da "colonna sonora". A questo proposito, è indispensabile suggerire agli alunni che la "scena" da immaginare e raccontare NON necessariamente deve di per sè riguardare il fenomeno atmosferico in questione. In ogni caso, alla fine dell'ascolto, ogni alunno può anche decidere di stampare la propria composizione scritta: in tal modo, subito o in un secondo momento, potrà effettuare utili confronti con quanto immaginato e raccontato dai compagni. Se le attese dell'insegnante non saranno eccessive, anche in rapporto all'età e alle capacità degli alunni, i risultati potranno essere in taluni casi anche sorprendenti.

 






Una schermata del Percorso B.
 


A detto percorso A, dunque, dovrebbe seguire poi il "Percorso B", che si caratterizza per il fatto che l'ascolto di ciascuno dei brani proposti è accompagnato dalla visualizzazione contestuale di brevi indicazioni programmatiche di supporto. In sintesi, per gli alunni più grandi, pronti e creativi: percorso A + stampa di quanto raccontato e successivo confronto + percorso B. Negli altri casi: solo percorso B.


 



Una schermata del QUIZ.



La sezione "QUIZ", da proporre evidentemente non prima di aver visitato le sezioni precedenti, presenta una serie di 10 quesiti di verifica. Alla fine del test, se non sono stati commessi errori, l'alunno può stampare alcune immagini in tema (caricature dei tre musicisti), per una eventuale personalizzazione del proprio quaderno di musica.


Il programma "Tempeste...musicali" è disponibile sul cd  "Il mio software".

R. M.


 

Biblioteca digitale della letteratura italiana.

24 settembre 2009



Diversamente dalla biblioteca tradizionale, una raccolta di testi cartacei posti in un luogo ben preciso e quindi fruibili solo da chi può fisicamente raggiungere quel luogo, la biblioteca digitale, essendo costituita da testi in formato elettronico, può essere agevolmente "visitata" da chiunque utilizzi un computer collegato alla rete. Ne è un valido esempio la Biblioteca della Letteratura Italiana online: un lavoro realizzato da Pianetascuola in collaborazione con l’editore Einaudi, che si pone come obiettivo quello di rispondere in modo esauriente ai bisogni di una scuola che sta sperimentando nuove tecnologie e nuovi contenuti e le cui principali caratteristiche si possono riassumere nei seguenti punti:

  • quantità dei materiali forniti in forma completamente gratuita;

  • qualità dei testi di livello alto e filologicamente affidabile;

  • semplicità di utilizzo: il formato pdf con cui sono forniti i testi consente una estrema semplicità di utilizzazione anche in ambito scolastico.



Si può avere un'idea precisa dei contenuti della Biblioteca della Letteratura Italiana seguendo nell'immagine qui sopra i links (attivi) "le opere" e "gli autori".



R. M.


Via | Web 2.0 and something else

Diploma on line.

23 settembre 2009



Segnalo volentieri che nell'ambito della formazione docenti  il 21 settembre si sono aperte le iscrizioni del corso di perfezionamento Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie del Politecnico di Milano. Le iscrizioni chiuderanno il giorno 31 ottobre. Da sottolineare che, ad oggi, diversi Uffici Scolastici Regionali e Sovrintendenze agli studi hanno attivato borse di studio per partecipare al corso a condizioni economiche vantaggiose (ad es., l'Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ha attivato n. 80 borse di studio). Si rimanda al sito di riferimento per ulteriori informazioni e per l'iscrizione.



R. M.

Lettura...più veloce della luce!



Aumentare la propria velocità di lettura? O...quella dei propri alunni? Beh, si può tentare: con ReadSpeeder, un'applicazione on line che ci indurrà a leggere più velocemente facendo comparire brevi parti di un testo in rapida successione, costringendoci ad una lettura più rapida del solito per riuscire a cogliere il senso del testo stesso e dandoci la possibilità di aumentare via via la velocità con cui far comparire i vari frammenti che lo compongono a seconda dei nostri progressi. Iscrivendoci al servizio (gratuitamente), avremo tra l'altro la possibilità di salvare e condividere i testi su cui esercitarsi.  Si può provare, no?

R. M.

Via | Geekissimo
 


Povera Italia!





Non ho parole. Punto.

R. M.

Senza titolo 431

20 settembre 2009


Segnalo volentieri che  "presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova è possibile frequentare un percorso di formazione per i docenti e formatori che vogliono aumentare o affinare la loro concreta capacità di utilizzo pedagogico delle TIC (Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione) nella quotidiana pratica didattica ed educativa.
Si tratta di EPICT Patente Pedagogica Europea sulle TIC. I materiali e il metodo didattico usato nel percorso formativo sono stati sviluppati a livello europeo durante il progetto EPICT European Pedagogical ICT Licence (anni 2003-2005), progetto di cui la nostra Università è stata partner. Dopo il progetto l’attività del Consorzio Europeo E PICT ha proceduto con la diffusione in molti Paesi di Corsi EPICT: attualmente sono circa 70.000 i docenti che nel mondo (Danimarca, Grecia, Ungheria, Islanda, Austria, Regno Unito, Australia, Sry Lanka, Ghana) hanno ottenuto la certificazione EPICT, 500 dei quali in Italia.


Il Consorzio Europeo EPICT è oggi partner di UNESCO e Microsoft nei progetti formativi indirizzati ai docenti per l’uso delle tecnolgie a Scuola. A livello nazionale EPICT ha aperto un tavolo di confronto con AICA (Associazione Internazionale di Calcolo Automatico, l’organizzazione che gestisce il progetto ECDL in Italia) per l’armonizzazione della certificazione delle competenze TIC dei docenti sul fronte tecnologico (ECDL) e pedagogico (EPICT).


La Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova eroga in modalità e-learning il corso EPICT come Corso di Perfezionamento Universitario e come Master Universitario di I livello".


Per scaricare il bando, cliccare sull'apposito link nell'immagine sopra: è attivo.

R. M.


Senza titolo 430

Dopo una lunga, forzata assenza (e non prima di aver steso un velo pietoso sullo stato delle nostre maggiori aziende di telecomunicazioni...), riprendo l'aggiornamento del blog segnalando un bel gioco di riconoscimento e ricomposizione di parole: "Parole scompigliate", prodotto dalla ben nota fucina di vbscuola.it.




Il programma presenta 198 immagini, ripartite in 22 gruppi di 9 immagini ciascuno.
Ogni immagine è accompagnata dalla relativa parola, le cui lettere sono presentate in modo 'scompigliato'.
Il bambino deve cliccare nel loro ordine esatto le singole lettere, sino a ricostruire la parola completa.
E' possibile scorrere i 22 gruppi di parole secondo gli interessi del bambino o in modo casuale, lasciando la scelta al programma.
 







 

Una volta completato in modo esatto un gruppo di parole (9 parole), si ha diritto ad un giro sulla giostra dei cavallini, ahimè solo virtuale...

 

Da notare che il programma presenta al bambino contemporaneamente tre tipi di scrittura: lo stampato maiuscolo, lo stampato minuscolo e il corsivo.

Si tratta di un bel gioco didattico, utile per esercizi di autodettatura, di cui è autore Pier Luigi Farri. Liberamente scaricabile da questa pagina.

R. M.