Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

100 foto per un anno.

31 dicembre 2010


100 foto per un anno.
 



Si può raccontare l'anno che va a chiudersi rievocandolo con 100 foto? Repubblica.it ci ha provato, con una galleria fotografica da cui "prendere, guardare e ricordare anche cose di cui non si conserva la memoria facendo, magari, qualche piacevole scoperta. Dunque un gioco e null'altro...". Un gioco, sì, ma intrigante la sua parte.
Con tanti auguri a tutti di un felicissimo 2011!

R. M.

I 101 siti più utili del Web (+ 1...).

29 dicembre 2010



Opportunamente tradotta da Geekissimo, ecco la lista dei "101 siti più utili del Web (+ 1...)", una mega-collezione di servizi on line per venire incontro alle esigenze di tutti, docenti compresi, ovviamente.  Spulciando qua e là l'utile lista, ecco qualche segnalazione di sicuro interesse:

50. bubbl.us – per creare mappe mentali.

76. scribblemaps.com – per creare mappe personalizzate con Google Maps.

82. typingweb.com – esercizi di scrittura al PC.

88. noteflight.com – per creare e stampare spartiti musicali.

99. sumopaint.com – editor di immagini multi-livello completamente online.

100. lovelycharts.com – per creare diagrammi, mappe di siti Internet, ecc..

E, parafrasando Geekissimo, ecco la 102a segnalazione:

102. Quadernone blu - per trovare qualche buona segnalazione utile ai docenti : ))

R. M.

Sotto l'albero? Un iPad!

28 dicembre 2010



Babbo Natale vi ha portato un iPad? Fico, ma...

R. M.

Hallelujah... al fast food!

25 dicembre 2010



Per chi, come me, non ha MAI messo piede in un fast food, forse è giunta l'ora di ricredersi... : )

R. M.

Adeste, fideles!



Buon Natale a tutti!

R. M.

Ma insomma: esiste o no???

22 dicembre 2010



 



È giunta al blog per vie traverse questa letterina:

"Caro Babbo Natale, siamo gli alunni della classe 5 A. In questi giorni discutiamo tanto tra noi sulla tua esistenza e non siamo tutti d’accordo. C’è chi è certo che esisti, chi dice che sei un’invenzione dei genitori per farci stare buoni e c’è chi ha ancora dei dubbi... Ognuno ha delle prove per dimostrare che ci sei:
 Letizia assicura di averti visto passare con la slitta e renne per il cielo dalla sua finestra;
 Francesca ricorda di esssere rimasta sveglia in salotto ma, dopo un pisolino di 10 minuti, si è svegliata e tu te ne eri già andato lasciando i doni;
 Claudio dice che è sicuro che i suoi genitori non possono avere i soldi per comprare tutti i regali che trova...
Ma... Cecilia ha ritrovato tutte le letterine che ti ha scritto nello studio del papà...;
 Luca ha visto i regali, nascosti in cantina;
 Valentina, addirittura, dice di aver lasciato accesa la videocamera vicino all’albero e di aver filmato suo papà che metteva i doni;
 Cesare, infine, ha avuto la conferma che non ci sei dai suoi genitori.
 Alla fine della discussione siamo daccapo... perciò se esisti veramente, non rimanerci male ma scrivici una risposta definitiva...!
Gli alunni della 5 A.

P.S. Se qualche visitatore del "Quadernone blu"  vuole aiutarci a chiarire le idee può scrivere a: Classe 5 «A» Istituto Comprensivo «M. Montanari» - 27039 Sannazzaro de' Burgondi (Pavia) o inserire commenti in questo blog".

R. M.

Migliorare il proprio inglese guardando video.

21 dicembre 2010



EnglishCentral è un nuovo servizio web fruibile gratuitamente on line che, previa una semplice registrazione, consente di mettere alla prova la propria padronanza dell'inglese, e magari perfezionarla, interagendo con una serie infinita di video opportunamente sottotitolati. I video a disposizione sono suddivisi per categoria e livello di difficoltà. I sottotitoli, in inglese, sono interattivi: di ogni parola si può visualizzare il significato e ascoltare la corretta pronuncia. L'audio di ogni linea di sottotitoli può essere rallentato in modalita slow. Disponendo di microfono possiamo registrare la nostra dizione del testo dei sottotitoli e averne una valutazione tramite punteggio. Si tratta in buona sostanza di una valida risorsa,  da utilizzare opportunamente anche in ambito scolastico.
(Per provare il servizio, cliccare su Try the demo nell'immagine sopra).



R. M.

Via | Geekissimo

E-card natalizie in 3D.

20 dicembre 2010



Da howdycard.com si possono prelevare simpatiche cartoline natalizie elettroniche in 3D da inviare agli amici tramite e-mail o da collocare in siti e blog inserendone il relativo codice. Seguendo un apposito tutorial, è anche possibile creare proprie cartoline 3D personalizzate. Un'idea originale per grandi e piccini.

R. M.

360 wallpaper natalizi: possono bastare?

19 dicembre 2010

















Tanti coloratissimi sfondi natalizi per addobbare...i desktop dei pc di scuola: ve ne sono per tutti i gusti e sono 360 in tutto: possono bastare?




R. M.

Via | Geekissimo

Natale 2.0.

16 dicembre 2010



Curioso video che presenta la Natività così come potrebbe essere raccontata tramite il web, i social media e il mobile, usando in particolare Facebook, Twitter, YouTube, Google, Wikipedia, Google Maps, GMail, Foursquare, Amazon ... I tempi cambiano, la magia del Natale rimane la stessa. O no?

R. M.

Via | Maestro Alberto

Il 32° Carnevale della (terrificante) Matematica.

15 dicembre 2010



Non è ancora giunto il Natale ed è già tempo di Carnevale! Ecco il 32° Carnevale della Matematica, ancora una volta proposto dal blog Matem@ticaMente, della Prof.ssa Annarita Ruberto. Il tema di fondo? La Matofobia!
Perchè si ha paura della Matematica? Questo l'interrogativo cui hanno provato a rispondere i contributi proposti da molti docenti che hanno raccolto l'invito a dire la loro sull'intrigante e intricato tema.
Impossibile dar conto qui dei numerosi interventi raccolti, mi limito solo a segnalare il contributo di Marco, giovane (15 anni!), ma già grande conoscitore della disciplina, nonchè assiduo visitatore del "Quadernone" che ha più volte segnalato i suoi già ben maturi frutti nel campo della programmazione di applicativi matematici anche didattici (si veda, tra i tanti, questo post). Il suo contributo, dal titolo "Sto tracciando un percorso tutto mio (Il the inglese uccide)" è dedicato al geniale Ramanujan, importante matematico indiano.

Buon Carnevale a tutti!

R. M.

Il dizionario...dei numeri.

8 dicembre 2010




Numdic.com è un dizionario on line del tutto particolare: non si occupa di parole, bensì di...numeri. Inserendo infatti un qualunque numero, si ottiene tutta una serie di informazioni sul numero stesso, quali, tra le tante, le varie tipologie di scrittura (greca, araba, romana, Maya) e in relazione ai vari sistemi numerali (binario, esadecimale, ecc.), la fattorizzazione, i numeri primi collegati e tanto altro ancora. Una risorsa semplice, ma alquanto utile.

R. M.

Via | Maestro Roberto

10 anni in un minuto e mezzo.

7 dicembre 2010



Una foto al giorno, nella stessa posizione, per 10 anni: in meno di un minuto e mezzo, condensati i primi due lustri di una bella bimba. E' proprio vero: come passa il tempo!...

R. M.


Via | Maestro Alberto

I numeri della scuola italiana.

3 dicembre 2010



In una apposita sezione del sito della Garamond è possibile visionare una serie di dati che rappresentano lo stato attuale della nostra scuola italiana. Sono  numeri che, come si dice, parlano da soli, ma chi volesse può condividere commenti e valutazioni sul Blog collegato.



R. M.

Un lucchetto per il web.

28 novembre 2010



Coloro che hanno a che fare con bambini e ragazzi, a scuola come docenti, a casa come genitori, sanno che non sempre è possibile agli adulti esercitare una meticolosa e assidua sorveglianza sull'uso che della rete possono fare i minori loro affidati, quasi sempre abilissimi a bypassare i controlli dei grandi, accedendo a siti non adatti o addirittura pericolosi, magari anche per poco tempo. Per evitare questo, si possono utilizzare vari sistemi di parent control oppure semplicemente affidarsi ad un software come Any Weblock, gratuito e specifico per i s. o. Windows. Con esso possiamo bloccare totalmente l'accesso a quei siti che giudichiamo inadatti, per le ragioni più varie, ai nostri alunni o figli, semplicemente specificandone all'interno i domini o sottodomini e proteggendo tale elencazione con una nostra password. Via via sarà ovviamente possibile aggiungere o eliminare gli indirizzi web della nostra personale "lista nera", che tra l'altro blocca l'accesso alle pagine web indesiderate a prescindere dal tipo di browser in uso.

R. M.

Via | Geekissimo

PoliCultura 2011.

26 novembre 2010



Segnalo volentieri che " fino al 31 gennaio 2011 sono aperte le iscrizioni a PoliCultura, un’iniziativa gratuita del Politecnico di Milano, che promuove l’uso delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione presso le scuole di ogni livello scolastico.
PoliCultura crea un perfetto connubio tra cultura e nuove tecnologie, stimolando gli alunni ad apprendere i temi affrontati in classe in modo più coinvolgente e innovativo. Attraverso la realizzazione di narrazioni multimediali gli studenti hanno l’opportunità di sviluppare abilità tecniche e comunicative molteplici.
PoliCultura è anche occasione per avere visibilità a livello nazionale: tutte le narrazioni chiuse entro il 31 maggio 2011 saranno pubblicate sul sito PoliCultura e trasformate in un sito web in una versione offline per CD-ROM ed in una serie di playlist (per qualsiasi strumento con podcast player)".



"PoliCultura 2011 si articola secondo le tipologie di narrazione,
completa o compatta, e in base ai livelli scolastici:




  • First: per le scuole dell’infanzia


  • Kids: per le scuole primarie


  • Junior: per le scuole secondarie di primo grado


  • Senior: per le scuole secondarie di secondo grado



Nel corso delle passate edizioni sono emerse alcune tematiche di particolare interesse che vi suggeriamo quale spunto per la vostra narrazione:




  • Le tue radici: tutte le tematiche che raccontano il territorio in cui si trova la scuola


  • Scienza e tecnologia: tutte le tematiche connesse alle materie scientifiche e alle tecnologie


  • Cibo e alimentazione: tutte le tematiche connesse all’alimentazione, dalla riscoperta della cucina tradizionale all’educazione alimentare, dai prodotti tipici del territorio all’educazione ambientale


  • Uscita didattica: la narrazione può prendere spunto da gite d’istruzione programmate presso istituzioni culturali


  • Esperienza: la narrazione può prendere spunto da un’esperienza significativa vissuta dalla classe (laboratori, progetti, percorsi didattici multidisciplinari ecc.)


  • Tema libero: un tema culturale, curriculare o extra curriculare



PoliCultura è un’opportunità didattica innovativa ma anche un concorso nazionale: si può infatti (ma non è obbligatorio) decidere di sottomettere il proprio lavoro al giudizio di una giuria di docenti del Politecnico di Milano, di esperti, di insegnanti che hanno partecipato alle passate edizioni e di una giuria popolare.



La valutazione delle narrazioni sottomesse al concorso terrà conto di due elementi:




  • Qualità didattica: il coinvolgimento degli allievi, l’organizzazione del lavoro, l’impatto didattico.


  • Qualità del risultato: cioè la qualità dei contenuti e della comunicazione multimediale



Le classi finaliste saranno invitate alla giornata di premiazione che si terrà a Milano nel mese di giugno 2011.




Per ulteriori informazioni consultare il sito www.policultura.it o contattare HOC-LAB  allo 02.2399.9627 o all’indirizzo email: policultura@polimi.it".

R. M.

Le sorprese del T-puzzle "fai da te".

23 novembre 2010



Aggiornata la pagina dedicata al T-puzzle, particolare sorta di Tangram, sul mai abbastanza lodato sito del Prof. Gianfranco Bo Appunti di matematica ricreativa (tra parentesi: sono convinto da tempo che a scuola, almeno ai primi livelli, la cosiddetta matematica ricreativa debba avere oggi come oggi la netta prevalenza rispetto alla matematica, per così dire, ufficiale, rovesciando la situazione attuale in cui prima vengono i contenuti seriosi del "programma" e poi, se avanza tempo, a mo' di contentino ricreativo, si offrono spunti estemporanei per un approccio ludico alla disciplina: curiosità, indovinelli, quiz...). Tornando al T-puzzle, la suddetta pagina non solo offre la possibilità di auto-costruirsi un T-puzzle con cui "divertirsi" a formare, oltre che la T, altre insospettabili figure; ma si invitano gli alunni a preparare dei puzzle simili, in relazione alle altre lettere maiuscole dell'alfabeto. Si ha un'idea di quanta "creatività geometrica" implichi la preparazione dei 4 pezzi con cui ricostruire in modo intelligente, ma non complicato una qualunque lettera dell'alfabeto?

R. M.