Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

A mano o a tablet?

30 novembre 2014


Contrordine: "...Non è vero che i bambini finlandesi, a partire dal 2016, smetteranno di imparare a scrivere a mano: verrà solamente dismesso l’insegnamento della calligrafia e della scrittura in corsivo...". Passi per la dismissione della calligrafia (per quanto...): ma della scrittura in corsivo? Sostituita dall'orribile stampatello maiuscolo? Allora meglio optare definitivamente per tablet & company... IMHO.

Videogame e BES? Beh, sì, ma...

27 novembre 2014


Su Education 2.0, si dà conto di recenti ricerche sull'utilizzo di videogame e relative ricadute sull'apprendimento. "...Dal punto di vista pedagogico oramai si accetta che alcune tipologie di simulazioni presenti nei videogame possano essere utili – ed utilizzate intenzionalmente – per migliorare l’apprendimento, ma rimane ancora molto alto lo scetticismo sull’utilità didattica indiretta che potrebbe provenire anche dai videogame sviluppati senza intenzionalità formativa...".

Wow, Samantha scrive dallo Spazio!

26 novembre 2014


Dal diario di bordo di Samantha Cristoforetti, su AstronautiNEWS.

Addizioni e sottrazioni fatte in casa.

21 novembre 2014


"La Casa delle Addizioni 2" e "La Casa delle Sottrazioni 2" sono due semplicissime apps per cellulare / tablet Android, derivate dai corrispondenti miei programmi per PC. Con esse, gli alunni della Scuola Primaria (o comunque quegli alunni che avessero necessità di un qualche rinforzo nel calcolo) possono cimentarsi con addizioni o sottrazioni (anche con 1 / 2 cambi/riporti) entro l'ambito numerico fino al 999. Un tocco sul bottone giallo "Nuova addizione" o "Nuova sottrazione" e ogni volta viene proposta un'operazione in random. Inserito il risultato negli appositi box delle unità, delle decine e delle centinaia, si ha l'immediata possibilità di controllarne l'esattezza (incrementando il proprio punteggio) o meno (con puntuale decremento dello stesso). Lo scopo è raggiungere almeno 20 punti ad ogni manche.

Per scaricare le apps direttamente sul cellulare si veda QUI

Olmi: la vera scuola? È là fuori!


Ermanno Olmi per gli Insegnanti from ipotesICinema on Vimeo.

Il saluto di Ermanno Olmi agli insegnanti in occasione della presentazione del film "Torneranno i prati".

I diritti dei bambini? Hanno 25 anni!

20 novembre 2014


Su Repubblica.it, si ricorda che "...la Convenzione Onu per i diritti dell'infanzia compie 25 anni. Unicef e Save The Children celebrano la giornata del 20 novembre diffondendo una serie di dati, che riguardano l'Italia e il resto del mondo, che svelano qualche bagliore di speranza, ma anche tante ombre e tanti nodi drammatici ancora da sciogliere...".

Qui sotto, il video del regista Nicola Campiotti, che ha scelto di raccontare l'anniversario per conto dell' UNICEF attraverso lo sguardo lieve dei bambini:

Scriviamo a mano, altro che tablet!

19 novembre 2014


Su Corriere.it, si dà conto di "...un progetto pilota, condotto in due scuole di Roma, una di Ostia e l’altra della periferia est, che ha coinvolto 386 studenti di scuola elementare. I bambini della III, IV e V classe sono stati invitati a scrivere in corsivo ogni giorno, da gennaio ad aprile, una frase, di 4, 5 o 6 righe, in proporzione all’età...". I risultati, per certi versi sorprendenti,  sono commentati da Benedetto Vertecchi, pedagogista e linguista fra i promotori dell’esperimento.

Ve li diamo noi i mitici Miti Greci!

18 novembre 2014

https://dl.dropboxusercontent.com/u/128208008/Pratica%20mente%20EBOOK/index.html

Gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria di Via Roma, Primo Circolo Didattico di Castrovillari (CZ), hanno realizzato uno splendido ebook multimediale, un vero e proprio "Viaggio nella Mitologia Greca", ricco di informazioni, video, animazioni, test e altro ancora, il tutto all'insegna di una encomiabile fruibilità interattiva. Mitici gli alunni e mitiche le loro docenti!...

Sulla Buona Scuola il Re...nzi è nudo?

15 novembre 2014


Su La Tecnica della Scuola, si dà conto delle tante contrarietà e critiche al documento governativo "La Buona Scuola", provenienti da parte dei sindacati e da tanti collegi dei docenti, il che appare quasi scontato. Ma il fatto inaspettatto è che, a quanto si dice, le critiche vengano anche dall’interno del Miur e da un’area politica che orbita vicino alla stessa ministra Giannini. Ciò vorrebbe dire che "...il 'Re è nudo'. In buona sostanza è dal Miur stesso che arriva la legnata al documento della Buona scuola, che non viene definito per nulla buono, con buona pace del partito democratico e del suo Re….nzi".

Baby a tavoletta sulle tavolette? Ci vuole buon senso!

13 novembre 2014


Su Apogeonline, Lucio Bragagnolo riferisce su luci e ombre scaturite da recenti indagini circa l'utilizzo di tablet da parte dei più piccoli. Come per tutte le cose, occorre buon senso e misura. E poi, si sa: "...il problema non è mai il computer in quanto tale, ma il parcheggio dei piccoli e meno piccoli davanti a uno strumento usato con l’unico scopo di liberare tempo ai genitori...".

Una casa ai figli? Meglio una laurea!

12 novembre 2014


Sul Sole 24 ore, si parla di una ricerca a cura di Career Paths, azienda specializzata nella costruzione di percorsi professionali e di carriera dalle scuole medie all'università, secondo la quale "...un investimento nell'educazione vale fino a 16 volte in più di un investimento nell'immobiliare: tasso di rendimento dal 30 al 69%, contro il 4,2/3% fruttato - in media - dall'affitto di un'abitazione..." a Milano.
Meditate, genitori, meditate...

La "Buona Scuola"? È meglio si di(c)a la nostra!

11 novembre 2014


Sul suo blog, il Gruppo di Firenze invita a partecipare alla consultazione sul progetto governativo "La Buona Scuola": "...Tra il rischio che sia tutto inutile e quello di ottenere qualcosa è preferibile correre il secondo. Magari con un contributo minimale, focalizzato su uno o pochi punti del progetto...".  
Seguono chiare "istruzioni per l'uso" circa le modalità per tale tipo di partecipazione, minimale ma pur sempre utile. 

Non è mai troppo tardi per il 2.0!

10 novembre 2014


Su Agenda Digitale, un'approfondita presentazione del progetto “Rai per l’Alfabetizzazione Digitale: Maestro Manzi 2.0” che, rifacendosi "...all’esperienza degli anni ‘60 con la famosa trasmissione “Non è mai troppo tardi”, ma con un approccio del tutto diverso e consapevole dei cambiamenti intervenuti sia nella società italiana sia sul piano delle modalità comunicative...", mira a dare un importante contributo allo "... sviluppo delle nuove tecnologie digitali e dei relativi servizi a valore aggiunto, con l’obiettivo di estenderne i benefici all’intera collettività in termini di miglioramento e ampliamento delle esperienze di fruizione”.

Scuola digitale? C'è un Piano (da 1 milione)!

9 novembre 2014


Su Orizzonte Scuola, il Piano Nazionale Scuola Digitale volto "...ad aumentare le competenze del personale docente sui processi di digitalizzazione e innovazione tecnologica. Il Miur ha infatti promosso il Piano Nazionale Scuola Digitale articolato in una pluralità di azioni coordinate (LIM in classe, Cl@ssi 2.0 ,Scuol@ 2.0 e Centri Scolastici Digitali)...".

Fare coding a scuola? Con un robot (di legno)!

8 novembre 2014


Su iSCHOOL, l'intervista a Filippo Yacob sulla creazione di prodotti (giochi) in grado di trasformare materie come la programmazione e la robotica in esperienze tangibili che ruotano attorno al gioco fisico. E sul perchè il coding a scuola sia importante, non si può che condividere la risposta di Filippo:

"..L’importanza della programmazione sta nel fatto che il mondo in cui viviamo è governato da macchine e tecnologie digitali che parlano attraverso algoritmi e programmi. Dagli ospedali, alle banche, agli aeroporti, ma anche alle industrie creative. La programmazione è la lingua che usiamo per parlare con le macchine, e come ogni altra lingua non è una cosa che si impara da adulti, e’ una cosa che si impara da piccoli. Per dare un esempio forse un po’ estremo, ma anche molto vero, in futuro il mondo si dividera’ in due gruppi: quelli che seguiranno le macchine, e quelli che controllano le macchine. Personalmente so a quale di questi gruppi preferisco appartengano i miei figli...".

E io i miei nipoti...

C'era una casa tanto carina...più o meno...

7 novembre 2014


"La Casa delle Addizioni" e "La Casa delle Sottrazioni" sono due semplicissime apps per cellulare / tablet Android, derivate dai corrispondenti miei programmi per PC. Con esse, i piccoli di classe seconda della Scuola Primaria (o comunque quegli alunni che avessero necessità di un qualche rinforzo nel calcolo) possono cimentarsi con addizioni o sottrazioni (anche con cambio/riporto) entro l'ambito numerico fino al 99. Un tocco sul bottone giallo "Nuova addizione" o "Nuova sottrazione" e ogni volta viene proposta un'operazione in random. Inserito il risultato negli appositi box delle decine e delle unità, si ha l'immediata possibilità di controllarne l'esattezza (incrementando il proprio punteggio) o meno (con puntuale decremento dello stesso). Lo scopo è raggiungere almeno 20 punti ad ogni manche.
Le apps sono liberamente scaricabili da questa pagina.

La proposta di Renzi sulla scuola? Non è farlocco.

6 novembre 2014


Non condivido la posizione dell'AND che bolla la riforma della scuola di Renzi come una proposta farlocco. Per me trattasi di proposta farlocca.

In palestra (delle tabelline)!

5 novembre 2014


"La Palestra delle Tabelline" è una serie di 8 semplicissime apps per cellulare / tablet Android, derivata da altri miei programmi per PC della serie "Benedette tabelline!". Senza inutili fronzoli nè animazioni che distraggano il piccolo utente, ogni app consente di "allenarsi" con ciascuna delle tabelline della tavola pitagorica, da quella del 2 a quella del 9: un tocco sul bottone giallo "Quanto fa..." e ogni volta viene proposta (e spesso riproposta) una delle 11 moltiplicazioni della tabellina scelta per... l'allenamento. Inserito il risultato nell'apposito box, si ha l'immediata possibilità di controllarne l'esattezza (incrementando il proprio punteggio) o meno (con puntuale decremento dello stesso). In ogni caso, per ogni app, l'invito è quello di raggiungere almeno 30 punti.
Le apps sono liberamente scaricabili da questa pagina.

Il soldato senza nome.

4 novembre 2014





Su RaiStoria, il ricordo del 4 novembre 1921, quando nell'Altare della Patria a Roma viene tumulata la salma di un soldato morto in battaglia durante la prima guerra mondiale e non identificato: il Milite Ignoto.

Qui(x) si parla di tabelline!

1 novembre 2014


Quix Tabelline è un'app (per Android ed iPhone) gratuita e coloratissima che aiuta i bambini a studiare e ripassare le tabelline. Con Quix Tabelline è possibile verificare il livello di conoscenza delle tabelline in maniera giocosa e divertente, attraverso partite veloci e statistiche complete "...per scoprire insieme al tuo bambino quali sono le tabelline e le operazioni sulle quali ha più difficoltà e quali conosce meglio...".



"Il Fantasma delle Tabelline" è una semplicissima app per cellulare / tablet Android, derivata da altri miei programmi per PC della serie "Benedette tabelline!". Senza inutili fronzoli nè animazioni che distraggano il piccolo utente, l'app consente di cimentarsi con la tavola pitagorica: un tocco sul bottone giallo "Quanto fa..." e ogni volta viene proposta a caso una delle 100 moltiplicazioni. Inserito il risultato nell'apposito box, si ha l'immediata possibilità di controllarne l'esattezza (incrementando il proprio punteggio) o meno (con puntuale decremento dello stesso). In ogni caso, raggiunti 50 punti, si potrà visionare un simpatico video a cartoni animati.
L'app è liberamente scaricabile da questa pagina.