Un blog dal passato

Nato nel 2003 come uno dei primi blog didattici per alunni di Scuola Primaria (se non il primo...), diventa nel 2006 un blog di segnalazioni di risorse online e di software didattici free per docenti e alunni delle Scuole dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado.

Tocca anche ai D. S. essere valutati!

30 giugno 2016

http://www.tecnicadellascuola.it/item/21975-dirigenti-scolastici-dovranno-finalmente-rendere-conto-ai-docenti.html

Su La Tecnica della Scuola, si parla della recentissima direttiva sulla valutazione dei dirigenti scolastici presentata dal Ministro Giannini: "...Finalmente docenti e famiglie potranno dire la loro sulle modalità di gestione della scuola da parte del dirigente scolastico.  Anzi a questo proposito verrebbe da osservare che la Giannini avrebbe dovuto avere un po' più di coraggio: il giudizio della comunità scolastica conterà soltanto per un 10% rispetto al punteggio complessivo, mentre sarebbe molto meglio se la percentuale fosse più alta.
D'altra parte i docenti sono continuamente esposti al giudizio delle famiglie e, soprattutto nelle scuole superiori, degli studenti. Non si comprende dunque per quale motivo i dirigenti non debbano essere in qualche misura sottoposti al "controllo" degli altri soggetti che fanno parte della comunità scolastica...".

Bonus? Malus!

29 giugno 2016

http://comune-info.net/2016/06/che-il-bonus-sia-con-voi/

Su Facciamo COMUNE, il punto di vista di una docente, Rosaria Gasparro, sul bonus agli insegnanti.

Piccoli brividi estivi.

28 giugno 2016

http://panizzi.comune.re.it/allegati/STORIE%20DA%20FAR%20PAURA_bibliografia.pdf

Un PDF con una bibliografia, a cura di Alice Franchi per AR/S Archeosistemi Soc. Coop., ricca di tantissimi titoli, recenti e non, di "...storie di mostri, streghe, orchi e fantasmi che però forse così paura non fanno...". Pensata per Halloween, una proposta di letture ideali anche per piccoli brividi estivi.

Quando finisce la scuola a San Pietroburgo.

27 giugno 2016

da-mille-e-una-notte-per-fine-delle-scuole/244497/244558?ref=HRESS-9

Un tripudio di luci, colori e suoni a San Pietroburgo per festeggiare in un'atmosfera da "Mille e una notte" la fine della scuola, con la nave Scarlet Sail a rappresentare le speranze e i sogni dei giovani...


Gli esami di terza media? Da abolire!

26 giugno 2016


Dalla lettera di un lettore de La Tecnica della Scuola: "...Gli esami di terza media sono una vera e propria farsa, un teatrino del nulla dove si promuove il nulla. Andrebbero aboliti e lasciati nel curriculum scolastico dello studente soltanto gli esami di maturità, anche se a modesto avviso andrebbero aboliti anche quelli perché stanno diventando anch’essi una presa in giro...".

O. K., eliminiamoli tutti, gli esami, buttiamo via il bambino con l'acqua sporca... Un piccolo particolare: gli esami "veri", quelli posti dalla vita di ciascuno di noi, non li potremo mai abolire, come diceva il grande Eduardo...

Le 4 virtù del bravo docente.

24 giugno 2016

http://www.cirifletto.it/le-4-virtu-del-bravo-insegnante/

Su CiRifletto, le 4 caratteristiche che deve avere un buon docente, dando per scontato che sia padrone della materia da insegnare (e non necessariamente che sia come Cameron Diaz...:).

Docenti a fine a. s.: che stress!

22 giugno 2016

https://youtu.be/ety1J8_1W1Q

Video di Gilda TV su "LA SALUTE DEI DOCENTI A FINE ANNO SCOLASTICO" (1° parte), con il Dott. Lodolo D'Oria, conosciuto nell'ambiente scolastico di tutta Italia per le numerose conferenze e corsi di formazione sulla prevenzione delle malattie professionali dei docenti.

Pensiero computazionale? Sì, per preparare la cena.

21 giugno 2016

http://link-and-think.blogspot.it/2016/04/cinque-parole-chiave-pensiero-computazionale.html

Su Link&Think, Enrico Nardelli illustra, attraverso un chiaro e chiarificatore esempio pratico, i cinque aspetti essenziali che l'educazione al pensiero computazionale sviluppa negli studenti. Si immagini "...questo scenario: domani sera sei a cena fuori e devi lasciare le istruzioni a tuo figlio affinché riesca a cenare anche in tua assenza. Devi quindi risolvere un problema: far sì che tuo figlio sia in grado di cenare da solo. Si tratta di pensiero computazionale perché devi mettere a punto una procedura affinché lui (l'esecutore) risolva il problema. Quindi non "problem solving" in prima persona ma per qualcuno che deve agire al tuo posto per risolvere un problema. In altre parole, il pensiero computazionale è un processo mentale che conduce a specificare procedure che un esecutore può realizzare autonomamente...".

Aiutare gli alunni a sviluppare le abilità computazionali non vuol dire trasformarli in informatici (per quanto, il settore tira...), ma renderli in grado di affrontare meglio il mondo che ci aspetta là fuori...

Sei dislessico? E io ti stimolo!

20 giugno 2016

http://www.stateofmind.it/2016/06/trattamento-della-dislessia/

Su State of mind, si parla di una nuova tecnica utilizzata per il trattamento della dislessia, "...denominata stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS), non è invasiva e inoltre è già utilizzata nei trattamenti di disturbi quali la depressione e l’epilessia focale. Nelle persone dislessiche vengono stimolati i circuiti celebrali alterati grazie al passaggio di corrente a basso voltaggio (intensità di un milliampere), che ne modifica l’attività neurale permettendo l’aumento di velocità e l’accuratezza della lettura. In dettaglio: la stimolazione viene fornita da un dispositivo portatile che, alimentato da pile, è in grado di erogare una corrente continua e bassa... Il fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia (AID), Giacomo Stella, ha commentato come questi risultati siano importanti anche per la conferma delle loro ricerche sul fatto che alcuni dislessici presentino una bassa connettività neuronale in alcune aree della corteccia come se fosse un motore mal carburato che gira male al minimo e che non risponde quindi con la dovuta prontezza alle sollecitazioni quando c’è bisogno di accelerare. La tDCS interviene proprio su questo meccanismo inefficiente e può essere molto utile al recupero e ci tiene a sottolineare che questa, come ogni terapia, non va applicata a tutti e che vanno ancora studiati bene gli effetti a distanza...".

Fare coding? A ottobre in biblioteca!

16 giugno 2016

http://www.diggita.it/v.php?id=1541713&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

Su diggita.it, si annuncia la "...settimana Code 2016, che giunge quest’anno alla 4° edizione. L’evento si terrà tra il 15 e il 23 ottobre e visto il successo dello scorso anno la macchina organizzativa è già partita per rendere l’appuntamento ancora più interessante. Code Week è un’iniziativa che mira a portare la codifica e l’alfabetizzazione digitale a tutti in un modo divertente e coinvolgente. La novità Code Week di quest’anno sarà la stretta collaborazione con biblioteche pubbliche 2020, una rete di 65.000 biblioteche nell’UE, che mirano a organizzare “angoli di codifica” o laboratori di codifica nelle biblioteche locali in Europa...".

Docenti in un mondo che cambia? Riflettere!

14 giugno 2016

https://www.facebook.com/yeaction/

Sulla pagina Facebook Your Edu Action, un video su cui riflettere, "...sperando che, grazie a questo video, la forza d'animo che da sempre ha contraddistinto il ruolo del vero insegnante sia riaccesa per iniziare la giornata nei migliore dei modi. Perché una volta entrati in classe, troverete loro,i vostri studenti, ad attendervi, a rispettarvi o ad accettare facili compromessi del tipo "non darmi compiti e non ti rovino la lezione", a far propria ogni vostra singola parola, a pensare come farla franca ad un compito in classe, a disperarsi, piangere, gioire per un voto, a far guerra per qualsiasi tipo di discussione o restando completamente inetti. Sono loro, quei contenitori grezzi da cui tirar fuori le migliori competenze per poter affrontare un mondo che è in continuo movimento...".

Adolescenti dell'eccesso.

11 giugno 2016

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/10/generazione-delleccesso-gli-adolescenti-secondo-il-rapporto-sul-monitoraggio-della-convenzione-diritti-sullinfanzia/2814357/

Su Il Fatto Quotidiano, si commentano i dati piuttosto allarmanti offerti dal nono rapporto sul monitoraggio della Convenzione dei diritti sull’infanzia e l'adolescenza. Quella degli adolescenti italiani è la  generazione dell’eccesso: "...Fanno uso di tabacco, sostanze psicoattive e alcol. Non hanno paura di condividere le proprio foto a sfondo sessuale con altri sui social network. Molti di loro giocano regolarmente d’azzardo online e quattro su dieci trascorrono davanti al televisore da una a due ore al giorno...". Ma c'è di più e peggio...

Ordinanza del sindaco: niente compiti delle vacanze!

10 giugno 2016

http://m.tecnicadellascuola.it/item/21482-niente-compiti-delle-vacanze-ordine-del-sindaco.html

Su La Tecica della Scuola, il link alla (scherzosa) ordinanza emanata dal sindaco di Mamoiada, in provincia di Nuoro, "...con cui stabilisce che gli studenti non devono fare i compiti delle vacanze.
Per essere precisi il sindaco Luciano Barone propone un elenco di "compiti" da svolgere: ballare, fare molto sport, ammirare l'alba, leggere quanto più possibile, usare le nuove parole imparate durante l'anno scolastico e così via. Con una promessa finale: 'A fine estate interrogherò tutti personalmente così potrò verificare chi ha fatto i compiti e chi no'".

Un'ordinanza che sarebbe piaciuta molto a Gianni Rodari...

Video Rai? Li scarico così.

9 giugno 2016

http://www.lettera43.it/comefare/tecnologia/come-scaricare-video-da-sito-rai_9062.htm

Su Lettera 43, si spiega come scaricare i video proposti sul portale Rai.it per un utilizzo didattico più comodo. La modalità più semplice e funzionale suggerita è quella di appoggiarsi al sito Pastylink e incollare nella barra di ricerca presente nella pagina l’indirizzo del filmato che si vuole scaricare dal sito Rai (ma anche da altri portali).

Provato: funziona.

Scuola 2.0: arriva, arriva...

8 giugno 2016

http://www.tecnicadellascuola.it/item/21415-la-meta-delle-aule-e-ancora-senza-internet-giannini-ecco-i-soldi-per-connetterle.html

Su La Tecnica della Scuola, si riferisce quanto detto ieri dal ministro Giannini in merito all'estensione delle connessioni internet a tuttte le aule scolastiche, mettendo a disposizione "...1 miliardo per 5 anni a partire da questo”. Al momento, secondo i dati forniti di recente dall'Osservatorio Tecnologico del Miur, "...solo il 10,5% delle scuole di primo grado avrebbe una connessione veloce, percentuale che arriva al 23,1% nel caso delle superiori. Mentre in totale più del 53% delle aule sono completamente disconnesse...".

A parte la solita, fuorviante ambiguità tra "scuole" e "aule" quando si parla di connessioni in rete, rimane pur sempre il problema: per farne cosa? Insegnare in modalità digitale richiede competenze specifiche, non sempre presenti nella formazione di base della maggior parte dei docenti...

Smartphone in classe? Sì... No...

7 giugno 2016

http://www.tecnicadellascuola.it/item/21383-faraone-insiste-basta-vietare-smartphone-sono-utili-alla-didattica-il-prof-esperto-proposta-estemporanea.html

Su La Tecnica della Scuola, si torna sulla posizione del sottosegretario Davide Faraone recentemente espressa a favore dell'utilizzo degli smartphone in classe: "...si tratta solo di prendere atto della realtà e trasformare uno strumento concepito solo come qualcosa da proibire in uno strumento utile per la didattica...". Di diverso avviso è Gianluigi Dotti, insegnante in un istituto superiore a Brescia e responsabile centro studi della Gilda."...Dallo scorso novembre – dice il docente all’Ansa - nella mia scuola abbiamo deciso di far consegnare i cellulari dai ragazzi quando entrano, perchè altrimenti è impossibile lavorare. Altra cosa è usare i pc, o le lavagne multimediali, o i laboratori informatici. Gli smartphone no, perchè gli studenti lo usano per tutt'altro che non un utilizzo corretto...".

Naailde: che strega!

5 giugno 2016

https://youtu.be/hrhAHXInK9U

Videopresentazione de "La strega Naailde e l'ospite elegante", un'App completamente gratuita che rende disponibile "...una favola moderna, con voce narrante, ricca di animazioni dallo stile inconfondibile e vivace, creata per dare al lettore (grande o piccolo che sia!) un'esperienza divertente e più completa di quella che può offrire un e-book.
La fiaba è disponibile gratuitamente in tre versioni: Italiano, inglese e francese.,,"
Link per scaricare le varie versioni dai principali store:


Newton? Si studia con le trottole!

4 giugno 2016

https://youtu.be/hxuKu6Fe6q4

Un video a cura di Cristiana Zambon che documenta brevemente un'esperienza di studio su Newton e le sue scoperte relative alla luce e ai colori, supportata da attività pratiche di costruzione di trottole utilizzando dei CD e colorandoli opportunamente. Oltre al disco di Newton e ai suoi colori, molti bambini hanno scelto di riprodurre effetti ottici ispirati all’Op Art: il tutto sempre in forma di gioco.

Il blog dei ragazzi contro i cyberbulli.

3 giugno 2016

http://intreccio.eu/cyberbullismo-studenti-creano-un-blog-bambini-nei-disegni-le-paure/

www.nocyberbullismo.wordpress.com è il blog contro il cyberbullismo creato "...da 21 piccoli studenti, d’età compresa tra i 10 e i 16 anni, di 5 scuole di Palermo. Il risultato? Sorprendente. Nel blog emergono i dubbi e le paure degli alunni". Dubbi e paure rappresentate in originali storie a fumetti, non sempre a lieto fine...

Un giorno da ricordare.

2 giugno 2016

http://video.repubblica.it/videoschede/2-giugno-1946-quando-nacque-la-repubblica-la-videoscheda/241603/241580?ref=HRBV-1

Su Repubblica.it, la videoscheda sulla nascita della Repubblica Italiana. "Settant'anni fa gli italiani vennero chiamati alle urne per decidere tra Monarchia e Repubblica ed eleggere i membri dell'Assemblea Costituente. Furono le prime elezioni libere dopo il fascismo e le prime a suffragio universale.".